Rapine armate a Sant’Anastasia e Somma: arrestati quattro giovani, due sono minori

152

I carabinieri della stazione di Sant’Anastasia hanno arrestato quattro giovani di Volla ritenuti responsabili in concorso di rapina, porto abusivo di armi e spari in luogo pubblico: Antonio Cerbone, 23 anni, Giuseppe Veneruso, 22 anni, un 17enne e un 16enne, tutti già noti alle forze dell’ordine tranne il più piccolo della gang.
I quattro sono stati intercettati in via Pertini a bordo della Chevrolet Spark della madre di Cerbone, subito dopo aver minacciato un passante 29enne portandogli via il borsello contenente 170 euro, documenti ed effetti personali. I giovani sono stati immobilizzati solo dopo un inseguimento nel corso del quale hanno esploso un colpo di pistola con un’arma che si è rivelata essere a salve, per poi gettarla sulla strada. La pistola è stata poi recuperata dagli uomini in divisa.

A seguito di perquisizione del veicolo sono stati rinvenuti passamontagna e cappellini, verosimilmente utili per travisamento. Nella disponibilità di Veneruso sono state rinvenute tre cartucce a salve calibro 8, compatibili con la pistola rinvenuta. Addosso a uno dei minorenni c’era denaro contante per 170 euro (riconducile alla vittima) e un coltello a serramanico. Durante successiva attività investigativa i militari hanno accertato la responsabilità degli arrestati anche in merito ad ulteriori eventi delittuosi consumati con lo stesso modus operandi: la rapina di telefonini e portafogli a 4 giovani di Somma Vesuviana perpetrata il 13 ottobre; la rapina di telefonini e denaro contante a un 21enne e a un 22enne di Sant’Anastasia consumata il 10 ottobre.

Mentre proseguono le investigazioni per accertare la responsabilità degli arrestati per altri episodi delittuosi, Cerbone e Veneruso sono stati tradotti nella casa circondariale di Poggioreale mentre i minori sono stati portato nel centro di prima accoglienza di Napoli in viale Colli Aminei.

cerbone e veneruso

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp
CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE




SHARE