Piano Napoli, i pentiti hanno parlato dopo lo spietato omicidio del 21enne Mauro Buonvolere

246

Un giovane che aveva paura di fare la stessa fine e che quindi si è pentito cominciando a parlare. Ci sarebbe proprio queste confessione, insieme ad altri elementi, alla base del blitz avvenuto mercoledì al Piano Napoli di Boscoreale dove sono state arrestate 19 persone mentre altre quattro sono soggette all’obbligo di restare fuori dalla Campania.

Insomma, una morte atroce, quella del 21enne Mauro Buonvolere, crivellato di pallottole proprio per lo spaccio di droga nella “Scampia del Vesuviano”, Un omicidio spietato ed efferato e che ha spinto un coetaneo a collaborare con la giustizia, rivelando così molti particolari sul traffico di droga che ha sgominato la piazza di spaccio gestita dal clan Tasseri.

Sul delitto di Buonvolere, in pieno stile di esecuzione camorristica, si indaga ancora: pare addirittura che al giovane fosse stato ordinato di uccidere un esponente della cosca rivale degli Orlando. Un omicidio non riuscito e che avrebbe scatenato la furia di entrambe le fazioni malavitose.

buonvolere

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp
CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE




SHARE