Droga, spaccio al Piano Napoli davanti a scuola: 23 arresti, presa la sorella del boss Tasseri

113

Lo spaccio della droga avveniva anche davanti ai bambini e alle mamme di una scuola elementare che si trova del rione “Piano Napoli” di Boscoreale, ritenuto dalla Polizia di Stato – che oggi ha eseguito nella zona 23 ordinanze – roccaforte del gruppo criminale che fa capo a Raffaele Tasseri, attualmente detenuto. L’istituto sarebbe il Dati.

Gli agenti del commissariato di Torre Annunziata hanno notificato 9 misure cautelari a persone già detenute. Dieci, invece, le persone in libertà arrestate stamattina. Ad altre quattro, di cui due agli arresti domiciliari, sono state notificati altrettanti obblighi di dimora. Tra gli arrestati figurano anche cinque donne: nessuna di queste aveva compiti di manovalanza. Una, in particolare, secondo gli inquirenti, ricopriva un ruolo di vertice.

A capeggiare lo spaccio, secondo gli investigatori, era Sciaron Tasseri, 27 anni, sorella di Raffaele Tasseri, colui che è considerato il capo dell’organizzazione criminale vesuviana dedita allo spaccio di sostanze stupefacenti. Tempo fa, nel famigerato rione “Piano Napoli”, le forze dell’ordine scoprirono un poligono di tiro allestito dalla criminalità locale nei sotterranei di una scuola elementare in passato chiusa anche a causa di continui atti vandalici.

Secondo quanto si è appreso, è verosimile che i pusher utilizzassero minori di 14 anni, e quindi non imputabili, per la consegna delle dosi e il ritiro dei soldi dagli acquirenti. Nel corso dell’attività investigativa, coordinata dalla Dda di Napoli, gli agenti di Torre Annunziata hanno sequestrato quasi un chilogrammo e mezzo di cocaina, e due chili di canapa indiana e marijuana. Documentati – con foto, video e intercettazioni – 98 episodi di spaccio ma nell’arco dei 18 mesi di indagini ne sono avvenuti almeno 1.600.

Il gruppo criminale Tasseri, egemone nello spaccio di stupefacenti, manteneva saldo il potere nel rione Piano Napoli malgrado l’arresto del suo capo: nessuno poteva permettersi di vendere la droga senza la sua autorizzazione. Lo scorso 7 febbraio, un giovane di 21 anni, Mauro Buonvolere, già noto alle forze dell’ordine per reati connessi allo spaccio della droga e al possesso di armi, è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco in via Settetermini di Boscoreale. L’agguato scattò nei pressi di un circolo che si trova nelle cosiddette palazzine, nota piazza di spaccio del comune vesuviano, che si trova al confine con il territorio di Torre Annunziata.

tasseri

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp
CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE




SHARE