Dodicenne di Palma morì dopo caduta da bici, sotto accusa il medico che sbagliò diagnosi

43

Chiuse le indagini sulla morte del piccolo Costantino Carbone, il 12enne di Palma Campania deceduto in seguito alle conseguenze di una caduta dalla bicicletta. Nei guai c’è un pediatra dell’ospedale Martiri del Villa Malta di Sarno, che secondo l’accusa avrebbe sbagliato diagnosi quando il ragazzino venne portato al pronto soccorso con forti dolori al ventre.

In sostanza, secondo quanto finora raccolto, il medico non si sarebbe reso conto che il ruzzolone a terra del bambino, avvenuto a Palma Campania, aveva provocato la perforazione di un polmone e di un tratto di intestino. Il piccolo venne curato con i farmaci ma il dolore continuava ad aumentare fino al trasporto in ospedale, alcuni giorni dopo, al Santobono di Napoli. Tutto inutile, perché Costantino spirò proprio a causa delle ferite riportate ed a quanto pare non curate in maniera adeguata.

Una morte avvenuta a giugno dello scorso anno e che sconvolse l’intera comunità palmese. Il ragazzino, infatti, apparteneva ad una famiglia molto nota in città, inoltre era una promessa del calcio, tant’è che prima dei funerali il suo feretro bianco venne portato in spalla dai compagni di squadra all’interno dello stadio comunale.

costantino

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp
CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE




SHARE