Usura, ecco il patrimonio milionario sequestrato a Cantone e D’Onofrio

166

Denunce e poi arresti per Mattia Cantone, 50enne di Pomigliano d’Arco, e per Vincenzo D’Onofrio 48enne di Acerra. L’accusa è di usura con tassi di interesse fino al 15% al mese, che hanno mandato sul lastrico tantissimi imprenditore del Casertano, dove i due agivano.

Ed a chiudere il cerchio lo stile di vita dei due uomini, rispettivamente titolari di un maneggio a Sant’Anastasia e di un’autorimessa a Caivano: naturalmente tutto strideva con i presunti introiti. Così le forze dell’ordine hanno apposto i sigilli al patrimonio che Cantone e D’Onofrio avrebbero costruito proprio grazie all’usura.

In particolare, è stato disposto il sequestro di 14 appartamenti,  5 terreni, 14 locali ad uso commerciale, depositi e rimesse, ubicati in vari comuni della provincia di Napoli, per un valore complessivo stimato di oltre 5 milioni di euro nonché vetture di lusso e conti correnti nella disponibilità degli indagati e dei loro prossimi congiunti, i cui saldi attivi risultano in fase di accertamento.

cantone d'onofrio

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp
CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE




SHARE