Pompei, rubinetti moderni su fontane di 2mila anni fa: la protesta corre sul web

50

Le fontane pubbliche con i relativi rubinetti degli Scavi di Pompei diventano oggetto di una nuova polemica, questa volta sollevata su Facebook dove sono state postate le foto di mascheroni antichi sui quali, almeno da un decennio, sono stati installati rubinetti moderni ai quali attingono i turisti che visitano per ore il parco archeologico nella Valle del Vesuvio, spesso sotto un sole cocente.

Quei pomelli che bisognava pigiare con forza – talvolta prendere a pugni – per far sgorgare acqua dalle fontane antiche, a rischio di distruggere i mascheroni in pietra, sono stati già oggetto nel tempo di varie denunce. Da qualche giorno, giovani volontari del gruppo Facebook “Anima Vesuviana” hanno riproposto la questione sottolineando l’inadeguatezza estetica dei rubinetti. In poco tempo la Soprintendenza ha sostituito i vecchi rubinetti in plastica con altri in ottone, ricevendo sul web frasi di gratitudine.

«L’animata denuncia della pagina Anima Vesuviana – scrivono – che conta quasi ottomila seguaci, ha raggiunto la Soprintendenza Archeologica di Pompei, che ha deciso di sostituire la valvola con una più sottile e maggiormente adeguata alla linearità e al colore della fontana. Il fondamentale lavoro di denuncia di Anima Vesuviana e dei suoi seguaci ha fornito giustizia alla maestosa opera ma è fondamentale, affinché la bellezza delle città come Pompei rimangano intatte, una maggiore attenzione degli addetti ai lavori, incaricati della tutela delle opere d’arte di cui è colma l’Italia».

fontane pompei

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp
CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE




SHARE