L’ex assessore Zimarra: «Striano, stadio agibile. Non si gioca perché manca volontà politica»

27

«Il campo sportivo di Striano è agibile ed omologato finanche per il campionato di Prima Divisione, la vecchia serie C». Batte i pugni sul tavolo l’ex assessore competente, Luciano Zimarra, che in questi mesi dice di averne sentite e lette troppe in merito alla gestione dell’impianto che dal punto di vista del manto erboso è sicuramente tra i più innovativi dell’intera area.

«Ci vorrebbe davvero poco per consentire alle squadre di Striano, ed anche dei comuni limitrofi di poter giocare nella nostra struttura, invece manca la volontà politica. Probabilmente questa Amministrazione non accetterebbe mai di utilizzare un bene della vecchia Giunta». Il sindaco Aristide Rendina ed i suoi assessori, infatti, in più occasioni hanno ribadito che vanno rifatti spalti e spogliatoi, emanando anche un bando. «Gli spogliatoi sono gli stessi del vecchio stadio, dove si è sempre giocato, mentre per gli spalti è necessario soltanto riuscire a dividere le due tifoserie. Con 20mila euro si potrebbe mettere l’impianto a disposizione dei cittadini, in attesa poi di trovare fondi per agire al meglio. Parlo con cognizione di causa, perché durante il progetto ho avuto modo di confrontarmi con numerosi tecnici del settore ed anche della Lega Calcio a Napoli».

«Per questo campo – insiste Zimarra – abbiamo dovuto compiere numerose peripezie e fare a meno in più occasioni di risorse che improvvisamente ci venivano tolte, ma non abbiamo lasciato alcuna spesa insoluta, anzi. Sarebbe un peccato se adesso anche il primo lotto di lavori venisse rovinato dall’incuria e dalla carenza di manutenzione». Insomma, Striano già scalpita per riavere il proprio stadio, è probabile che da oggi ci sia qualche pressione in più.

stadio striano

 

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp
CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE




SHARE