Anziano bruciato vivo per soldi: ergastolo alla “mantide” Adelina Vecchione

69

Carcere a vita per Adelina Vecchione, la cosiddetta “mantide” di Nola condannata per l’omicidio del 74enne Felice Paduano, bruciato vivo nella sua auto dopo che per un tentativo di furto era stato imbottito di tranquillanti. A riportare la notizia è il quotidiano “Roma”. La sentenza è stata emessa dal Gup  e rispecchia a pieno la richiesta del pm che definì la donna «sadica ed assassina».

Tre anni di reclusione ed una multa di duemila euro, invece, per Domenica Sepe, amica sembrerebbe “particolare” dell’assassina e che a quanto pare aveva una grossa influenza sulla personalità della Vecchione. La condanna per la Sepe, tuttavia, è giunta per ricettazione di denaro e di una catenina d’oro rubata alla vittima.

In sostanza la tecnica usata da Adelina Vecchione era quella di circuire gli anziani, promettendo qualche ora di passione. Ma dopo di cui alla vittima furono dati tranquillanti per portare a termine la rapina. Nel caso di Paduano, però la dose fu eccessiva e l’uomo non riuscì a risvegliarsi. Da qui la scelta di bruciarlo vivo in macchina.

paduano ergastolo

 

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp
CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE




SHARE