Camorra di Scampia, arrestato anche 25enne di Pompei: era armiere dei clan

545

 

Uno dei motivi scatenanti della guerra tra gli Abete- Abbinante-Notturno-Aprea e la “Vanella Grassi”, spalleggiata dai Leonardi e dai Marino oltre che dagli Amato-Pagano nell’ombra, fu la conquista delle piazze di spaccio più fiorenti di Secondigliano e Scampia.

Oggetto della contesa era anche il lotto P, controllato allora dal clan Abete. Perciò, secondo l’accusa, in quattro trasportarono armi potenti per lanciare l’assalto ai nemici di camorra: Luigi Arura, Virginio Giannino, Ciro Castiello e Michele Silvestro. Gli inquirenti hanno ricostruito l’arsenale che venne spostato tra il 23 e il 24 gennaio del 2012: un kalashnikov, una mitraglietta “Skorpion”, due revolver 357, tre pistole semiautomatiche 9×21 e una bomba a mano che fu fatta esplodere per costringere gli altri a uscire fuori dal bunker in cui erano chiusi.

Di un altro trasporto di armi, compiuto il 30 dicembre 2012, sono ritenuti responsabili Umberto Accurso, Luigi Aruta, Modestino Aruta, Angelo Marino e appunto Francesco Paolo Russo di Pompei in concorso con altri indagati per i quali la procura ha proceduto separatamente.

Non è ancora chiaro perché da Pompei il giovane fosse finito nelle organizzazioni camorristiche dei quartieri a Nord di Napoli: l’unico elemento certo è che non si tratta di alcuno “scambio di uomini” che talvolta avvengono tra clan di territori diversi.

arresti russo scampia

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp
CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE




SHARE