Boscotrecase, ospedale senza Tac e personale: Langella chiede commissione d’inchiesta

23

«Presenterò un’interrogazione parlamentare al ministro Beatrice Lorenzin nella quale chiederò la convocazione di una commissione d’inchiesta sulla gestione dell’Asl Napoli 3». Lo annuncia, in una nota, il senatore Pietro Langella, coordinatore provinciale dell’Ncd a Napoli, ricordando di aver «più volte chiesto a Salvatore Panaro, commissario straordinario dell’Asl 3, di ricevermi, ma tutti i miei appelli sono caduti nel vuoto. Un gesto assurdo dal momento che è delle sorti dell’ospedale di Boscotrecase che avremmo dovuto discutere».

Langella, nei giorni scorsi, ha incontrato le rappresentanze sindacali del Sant’Anna e Santa Maria della Neve. «A loro – spiega – va tutta la mia solidarietà perché ho potuto toccare con mano come, in questo periodo feriale, il personale del nosocomio boschese sia costretto a lavorare in sotto organico a costo di innumerevoli sacrifici, per assicurare i servizi all’utenza. Intanto, però, rilancia Langella: «La Tac ha già chiuso i battenti ed altri reparti si accingono ad emularne le sorti per mancanza di personale nel mentre la direzione pensa bene di distaccare alcuni infermieri per compiti di natura amministrativa».

Altra cosa assurda, sottolinea ancora il parlamentare dell’Ncd: «Il Pronto Soccorso di Boscotrecase non ha un primario. Eppure ci risulta che in organico ci sia più di un dottore dotato di quel titolo che, pur non esercitando tali funzioni, usufruisce però dei benefici che tale identità amministrativa comporta». Langella lancia un appello al ministro della Salute Lorenzin e al neo eletto governatore De Luca «affinché salvino l’ospedale di via Lenze. Lo stesso appello lancio a tutte le forze politiche del territorio, al di là di steccati e partiti».

ospedale boscotre

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp
CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE




SHARE