Palma Campania saluta il novello Sacerdote Don Giovanni d’Andrea

172

Il giorno 19 settembre nella Cattedrale di Nola Mons. Beniamino De Palma consacrava presbiteri,  sei diaconi, tra cui Don Giovanni D’Andrea, figlio della nostra terra di Palma. Don Giovanni ha vissuto la sua adolescenza attratto dal mistero eucaristico, ma il suo Eccomi al Signore si è fatta offerta concreta negli anni della piena maturità.

Gesù  bussava alle porte del suo cuore chiedendogli di seguirlo e lui con l’entusiasmo dei veri credenti non ha avuto paura di imboccare strade sconosciute dove l’unica sicurezza era la voce del Maestro . Dopo un profondo discernimento, vissuto alla scuola di Maria, presso il Convento dei Frati Minori di Liveri, guidato da Padre Tarcisio e dai suoi confratelli, Don Giovanni ha iniziato anni di studio e di riflessione presso il Seminario Vescovile di Nola. Non sono mancate le difficoltà, ma il suo desiderio di rispondere alla chiamata ha vinto ogni incertezza. La sua prima formazione scolastica è avvenuta in Germania, dove la famiglia si trasferì quando lui aveva solo 4 anni. Ritornato in Italia non sono mancati i momenti di smarrimento ma come seme destinato a maturare, si è lasciato provare come oro nel grogiuolo fino a cantare con ferma convinzione il suo Magnificat. Da nipote sono restato affascinato dalla sua testimonianza di fede soprattutto quando le vicende della vita hanno gettato un’ombra anche sulla fede. Mai è mancata il lui il bisogno della preghiera cercando nella Parola l’alimento essenziale per la sua vocazione. Il suo Si è nato alla scuola di don Umberto De Sarno della Parrocchia del SS. Rosario e Corpo di Cristo il quale con gioia circa 10 anni fa lo presentò al Vescovo di Nola, Arcivescovo mons. Beniamino De Palma. Da quel momento la sua vita è stata una corsa verso il sacerdozio, una corsa vissuta con l’euforia di chi conosce la metà. A Don Umberto succede don Pietro Ciccarelli il quale non ha mai fatto mancare a Giovanni il sostegno e la preghiera dell’intera comunità.

Il suo cammino vocazionale lo vedono impegnato in diverse comunità parrocchiali, tra cui Casamarciano, Boscoreale e dopo l’ordinazione diaconale avvenuta il 14 settembre 2011 svolge il suo servizio presso la comunità parrocchiale di San Felice in Pincipis in Cimitile, sotto lo sguardo paterno di Don Cosimo Damiano Esposito. Ieri 22 settembre, alle ore 19 il novello sacerdote ha celebrato la sua prima messa presso la Parrocchia del SS. Rosario e Corpo di Cristo, accolto da  numerosi  fedeli  che hanno elevato con la famiglia lode alla Trinità Santa per aver benedetto la nostra terra con l’ordinazione sacerdotale di Don Giovanni. Commovente l’ingresso in Chiesa del novello sacerdote salutato con gioia e con occhi intrisi di lacrime per l’emozione. Prima della celebrazione eucaristica il Sindaco, dott. Vincenzo Carbone ha rivolto parole di autentica partecipazione, sottolineando l’amicizia e l’affetto fraterno che da anni li vede protagonisti. A seguire il saluto della comunità Parrocchiale attraverso le parole della prof.ssa Carmen Prevete che ha concluso il suo intervento con l’augurio che papa Francesco ha rivolto al clero romano il 16 settembre scorso. La celebrazione Eucaristica è stata vissuta con profonda partecipazione e sentita gratitudine per il dono del sacerdozio. Presenti i sei confratelli ordinati con lui giovedì scorso, i parroci di Palma, il parroco di Boscoreale e Cimitile e altri suoi confratelli. L’omelia è stata pronunciata dal suo padre spirituale, prof. Don Francesco Asti, docente presso la facoltà Teologica dell’ Italia Meridionale. Dopo la celebrazione la comunità ha offerto un ricco buffet realizzato dallo chef Biagio Donnarumma in un clima di vera fraternità e di autentica amicizia. A don Giovanni l’augurio di un ministero santo che produca veri frutti di conversione.

Possa essere Don Giovanni un sacerdote sempre pronto all’ascolto e un vivo testimone della Misericordia del Padre. Affidiamo il suo ministero sotto la protezione della Vergine Madre dispensatrice delle grazie sotto il cui sguardo don Giovanni ha pronunciato il suo Eccomi.

prete

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE




SHARE