Ladri a Santa Chiara, portate via opere del ‘600

2

Decine tra pannelli maiolicati e tavole dipinte sono spariti dalla chiesa di Santa Chiara a Nola, oggetto già da diversi anni di lavori di restyling che procedono a singhiozzo per la carenza di fondi destinati alla cultura. Si tratta, infatti, di un presunto furto di opere dal valore inestimabile poiché risalenti al diciassettesimo secolo. Le tele, invece, sono state dipinte dal noto artista Ferdinando Sanfelice e raffigurano, così come le composizioni, le immagini dei santi francescani.

Tuttavia, le opere artistiche e storiche trafugate sono soltanto la parte peggiore di un vero e proprio scempio che sarebbe stato compiuto nel tempo all’interno dell’antico chiostro nolano. In tal senso cinque parlamentari del “Movimento 5 Stelle” hanno preparato un’interrogazione in merito rivolta al ministro dell’Interno, Angelino Alfano, per conoscere a che punto siano le indagini, semmai avviate, per il ritrovamento delle opere.

Secondo i “grillini”, inoltre, nel complesso francescano di Nola, anche gli altri pannelli e dipinti sarebbero in condizioni ai limiti del pietoso ed alla mercé di chiunque intenda portarli via per rivenderli sul mercato nero delle “aste” di arte a facoltosi del Nord o di mezza Europa. Molte delle opere, infatti, sarebbero accatastate in un angolo della chiesa senza alcun inventario e addirittura rovinate dalla sporcizia.

furto chiesa nola

 


SHARE