Documenti riservati spariti dall’ufficio dei vigili urbani: giallo a Pompei

13

Documenti riservati, dossier, atti pubblici e relazioni di interventi: tutto sparito dagli uffici della polizia municipale della città mariana. Un vero e proprio mistero che ha indotto il comandante del Corpo pompeiano, Gaetano Petrocelli, a rivolgersi alla polizia per denunciare i fatti. Dal comando è inoltre partito un ordine di servizio per interdire l’accesso alla stanza dei documenti persino ai dipendenti comunali.

Piazza Schettini blindata, insomma, a seguito della strana quanto accertata serie di sparizioni che ha tutto il sapore del giallo. Le malelingue pensano ad uno scontro interno ai vigili urbani che già nei mesi scorsi si erano “dati battaglia” a colpi di comunicati sindacali seguiti, nei casi più gravi, da  provvedimenti disciplinari. Tuttavia nulla tale da giustificare un comportamento simile che avrebbe dure conseguenze penali per gli eventuali colpevoli.

Per evitare altri presunti furti è stato addirittura spostato l’ufficio relazioni con il pubblico, adesso situato in una stanza molto vicina all’ingresso e lontana dal front office della polizia municipale di Pompei, dove sono conservati gli atti siglati dal Corpo. Vicenda ancora tutta da chiarire, dunque, e che aggiunge ulteriori ansie alla città del Santuario e degli Scavi già deturpata fortemente nell’immagine dopo i crolli nel sito archeologico ed il caos per lo show di Alessandro Siani.

pompei documenti vigili