Armi della camorra vesuviana, caccia agli acquirenti di kalashnikov e fucili

21

Scatta la caccia agli acquirenti delle armi da fuoco “comuni” e da guerra che negli ultimi mesi si sono approvvigionati dal clan Gallo-Limelli-Vangone. I carabinieri sono sulle tracce di alcuni gruppi dediti a rapine provenienti dal Vesuviano ma che avrebbero compiuti “colpi” a blindati in tutta la Campania.

La svolta, in tal senso, è arrivata dopo la cattura del 49enne Vincenzo Starita, considerato dagli inquirenti l’armiere della cosca che domina i Comuni ai piedi del vulcano. L’uomo, infatti, preso a Scafati dopo una latitanza di due mesi, avrebbe piazzato diverse “canne da fuoco” a bande senza scrupoli.

I controlli dei carabinieri si stanno intensificando nelle ultime ore in diversi territori del Vesuviano e secondo fonti vicine agli “007”, anche la polizia starebbe collaborando con i militari per mettere le mani su almeno due o tre gang specializzate negli assalti ai furgoni portavalori.

caccia acquirenti