Abbattimenti, lite in Consiglio: si avvicinano le ruspe

0

Il Comune di Boscotrecase rischia di essere l’unico a non recepire la norma varata della Regione per evitare l’abbattimento degli immobili abusivi, che anziché venire demoliti possono essere invece acquisiti dalle Amministrazioni. Un tema che sembrerebbe abbastanza semplice – visto che gli enti pubblici possono entrare facilmente in possesso di diversi beni – ma che a Boscotrecase riesce a fare molto rumore.

Colpa, nemmeno a dirlo, della difficile situazione politica vissuta dalla cittadina ai piedi del Vesuvio, dove il sindaco Agnese Borrelli è “rientrata” da appena poche settimane dopo avere ritirato le dimissioni. E così, anche un’assemblea che dovrebbe mettere d’accordo maggioranza ed opposizione si trasforma in lite. Una bagarre in cui diversi esponenti della minoranza hanno abbandonato l’Aula in segno di protesta, chiedendo a gran voce le dimissioni del presidente dell’assise Giovanni Guastafierro e dell’assessore all’Urbanistica, Tommaso Cirillo. Alla fine, dunque, il documento non è stato approvato, con il pericolo concreto di vedere adesso quanto prima le ruspe a Boscotrecase.

Resta ancora l’opportunità, ma è l’estrema, che il Consiglio approvi il testo domani durante l’ultimo giorno utile per farlo a norma di legge. Il caos è nato, infatti, per la convocazione dell’assemblea inoltrata, secondo l’opposizione, appena due giorni prima della seduta, mentre addirittura l’assessore Cirillo avrebbe spiegato il provvedimento alla minoranza soltanto qualche minuto prima dell’inizio dell’assemblea.

abbattimenti boscotrecase


SHARE