Abbattute le giostre di Largo Fiera, Poggiomarino s’arrende ai vandali

36

Non sono durate neppure dieci anni le giostre di Largo Fiera, vandalizzate a più riprese dai teppisti di turno e sempre rimesse in ordine dalle varie Amministrazioni che nell’ultimo decennio si sono succedute in piazza De Marinis. Oggi, tuttavia, per lo spazio dedicato ai più piccoli è arrivata la parole fine. Da questa mattina, infatti, gli operai sono al lavoro per smontare scivoli, tappetini, altalene e cunicoli che ormai erano disertati da tempo dalle famiglie con bambini.

In luogo del miniparco dei divertimenti, infatti, sorgerà un’area parcheggio sicuramente utile agli automobilisti della località agrovesuviana. Purtroppo, però, per i bimbi di Poggiomarino ci sarà un luogo di ritrovo in meno e tutti saranno dunque “costretti” a riunirsi nel nuovo piccolo parco in via Nuova San Marzano. Troppe, infatti, sono state negli anni le devastazioni in Largo Fiera, dove le carenze di illuminazione pubblica e di controlli hanno favorito gesti eclatanti da parte delle babygang.

Le giostre erano state montate durante il mandato del sindaco Roberto Raffaele Giugliano, che aveva partecipato e vinto al bando emanato dalla Provincia guidata allora dal “Verde”, Dino Di Palma. E già in quel periodo Poggiomarino vantò un record negativo: dei dieci miniparchi montati da Palazzo Matteotti, infatti, quello di Largo Fiera fu il primo a finire nel mirino dei vandali.

giostre poggiomarino


SHARE