Sexual addiction: quel virus nella testa!

5

Il termine “sex addiction” che in italiano viene tradotto con “dipendenza sessuale” viene usato per descrivere il comportamento di una persona che manifesta un desiderio sessuale insolitamente intenso, o una vera e propria ossessione per il sesso.

Sono in aumento le persone dipendenti dal sesso, che trovano spesso uno sfogo allo stress della vita e che riescono a trovare un senso e una soddisfazione capaci di innalzare quel livello di autostima danneggiato da problemi lavorativi, familiari, economici e sociali.

I sintomi più frequenti sono il bisogno di ricorrere alla masturbazione ossessiva, rapporti sessuali continui, esibizionismo sessuale, pratiche sessuali inconsuete (sadomasochismo, feticismo), acquisto frenetico di materiale pornografico, utilizzo di telefoni erotici e siti internet ad alto contenuto sessuale con conseguenze economiche consistenti.

È difficile riconoscere di avere un problema ma quando arrivano ad esserne consapevoli per vergogna per ciò che si è e per ciò che si fa, si allontanano dalla famiglia e dagli amici. Nella compulsività dei rapporti sessuali vi è spesso il rischio di contrarre malattie veneree, di avere problemi di ulcera, esaurimento fisico, problemi di insonnia, disfunzioni sessuali (eiaculazione precoce e ritardata, difficoltà a raggiungere l’orgasmo ecc.). Tra le cause vi può essere un abuso sessuale subito nell’infanzia o nell’adolescenza e in tali casi, una perdita dell’autostima può portare la persona a cercare di riparare alla ferita narcisistica subita attraverso l’utilizzo di altre persone, come propri oggetti sessuali. L’autostima viene potenziata, nella dipendenza da sesso, più dal numero di rapporti avuti in una settimana o in una notte, che dalla qualità dei rapporti personali o dalla rete di relazioni sociali.

Nelle donne che soffrono di dipendenza sessuale può accadere che esse si sentano considerate solo per il loro corpo e dunque possano usare il sesso per ottenere amore e attenzione e compensare così la carenza di supporto e di sostegno che probabilmente hanno sofferto nel passato. Gli uomini sex-addicted invece potrebbero tendere a cercare gratificazioni sessuali come conferma dei propri meriti e successi oppure per desiderio del dominio e di controllo sugli altri, così come per vendetta, o per un’insana espressione di rabbia.

La maggior parte dei dipendenti da sesso negano, a sé stessi e agli altri, di avere un problema e dunque sono difficili da curare, in quanto difficilmente accettano l’idea che potrebbero avere bisogno d’aiuto. In molti casi, la decisione di entrare in terapia segue un evento negativo della vita (es. perdita del lavoro, fine di un matrimonio, arresto, problemi di salute, ecc.)

Nella terapia è necessario aiutare la persona a sviluppare una sana sessualità, cambiando molte delle sue abitudini, in particolare, è importante comprendere se nel suo passato sono stati presenti abusi sessuali o trascuratezza emotiva, perdita dell’ autostima per perseguire l’obiettivo primario che è quello di ri-orientare i desideri sessuali in modo che producano effetti positivi per la propria vita e per il proprio benessere.

sex-addiction


SHARE