“Mettitelo bene in testa”: parte la campagna di sensibilizzazione sull’uso del casco

4

Si chiama “Mettitelo bene in testa” ed è una campagna di sensibilizzazione ed informazione sull’uso del casco promossa dal Comune di Sant’Anastasia ed il comando locale della Polizia Municipale. Questa mattina, nella conferenza stampa di presentazione, il giovane comandante P.M. Fabrizio Palladino (nella foto) ha chiarito assieme al sindaco, Carmine Esposito, le finalità della campagna, tesa a divenire uno sprono contro una cattiva mentalità ed una scarsa cultura delle regole: “Negli anni ho maturato l’idea – ha affermato Palladino – che l’attività repressiva è importante ma, da sola, non aiuta a raggiungere gli effetti sperati: è necessaria, al contempo, un’attività preventiva e di informazione”.WP_000227

Lo stesso Palladino ha, poi, motivato le scelte riguardo la locandina, affermando “Abbiamo evitato messaggi crudi, ma abbiamo preferito un messaggio perentorio, con l’ausilio dei colori forti” per poi passare a spiegare l’essenza dell’iniziativa: “Si svilupperà su tre livelli: il primo, sarà esclusivamente  informativo, con la divulgazione del nostro messaggio nelle scuole e la diffusione del manifesto negli esercizi commerciali del paese; il secondo, con un incontro da programmare in piazza, probabilmente di Domenica, assieme alla Croce Rossa ed alla Protezione Civile, per incontrare i cittadini e spiegare loro l’importanza dell’uso del casco; il terzo, riguarderà una più mirata e rafforzata fase repressiva, con l’ausilio dei Carabinieri”.

Successivamente è intervenuto il sindaco, denunciando una scarsa attenzione da parte di scuole e famiglie su questo problema: “I genitori hanno le loro responsabilità – ha affermato Esposito – e noi saremo decisi, oltre che nella prevenzione, anche nella fase repressiva. E’ un problema di mentalità, costume e cultura”. Il primo cittadino, poi, coglie l’occasione per anticipare che presto verranno adottate misure, in tal senso, a Piazza Arco, teatro di infrazioni e scarso senso del codice stradale, soprattutto sulle due ruote: “In quel posto verranno adottate misure di grande repressione, con grande energia e senza mezze misure”.


SHARE