La festa dei folli, “favorite nu caffè sospeso”

9

caffè sospeso

“Il caffè sospeso si usava nei bar di Napoli, quando una persona era particolarmente felice perché aveva qualcosa da festeggiare oppure perché aveva iniziato bene la giornata, beveva un caffè e ne pagava due, per chi sarebbe venuto dopo e non poteva pagarselo.

Era un caffè offerto ….. all’umanità. Di tanto in tanto qualcuno si affacciava alla porta e chiedeva se c’era “un caffè sospeso”…. e spesso riceveva in cambio anche un sorriso”.

Giovedì 30 maggio dalle ore 19:30 il caffè diventa assolutamente protagonista presso il ristobistrò culturale la festa dei folli! Serata evento dedicata al caffè, per gustarlo declinato in tutte le sue varianti, oltre al solito classico: lungo, corto, tiepido, macchiato, al cioccolato …, per assaporarlo in specialità culinarie, per ascoltare dell’ottima musica napoleta-na e per assistere alla proiezione di una selezione video di tutte le più belle scene dedicate al caffè.

Serata all’insegna della solidarietà, della partecipazione, dello stare insieme per condividere un “sentire” e valori che, in questo momento storico, devono essere manifestati in modo necessario e diffuso.

Serata, quindi, per coinvolgere, fare massa critica, adottare una buona prassi e divulgare la solidarietà sociale. Come diceva la scrittrice Ricarda Huch: “l’amore è l’unica cosa che, se la spandi a piene mani, aumenta”. C’è la possibilità di “sospendere” anche la birra e il panino.


SHARE