Vico implacabile, la grande corsa continua.

1

480918_3482777041665_1783687658_n

Continua a stupire la R.U.S. Vico, abbattendo il Manzoni nello stadio comunale di San Giorgio a Cremano e continuando la rincora al sogno play-off.

L’undici di Miste Muto, per la verità, parte male. Dopo 20 minuti, infatti, sono i padroni di casa a passare in vantaggio, con Cocozza che è bravo e fortunato a sfruttare una serie  di rimpalli in area avversaria.

I gialloblu però non si fanno intimidire e trovano subito il pareggio con Santorelli, che sfrutta una punizione battuta velocemente, brucia la difesa e trefigge il portiere. L’immediato pareggio ha un effetto più che positivo sugli ospiti, che cominciano a costruire palle da goal, uno dopo l’altra, facendo tremare la difesa di casa.

Al 35′ la spinta viene premiata: Velardi se ne va sulla sinistra, si accentra ed effettua un cross con il contagiro, sul quale De Giulio (foto) è bravissimo a colpire di testa ed ad insaccare all’incrocio. Si va al riposo col Vico in vantaggio per 2-1.

La ripresa comincia sulla falsa riga della prima frazione. Rosella gioca una quantità infinita di pallone, prendendosi la squadra sulle spalle e rivelandosi una spina nel fianco, sulla trequarti avversaria. Ed è proprio su una sua giocata che nasce il 3-1 gialloblu. Il trequartista palmese s’incarica di battere una punizione dal limite; la sua traiettoria perfetta viene deviata e finisce sul palo, sulla palla si fionda Velardi su cui il portiere effettua un vero e proprio miracolo, ma la palla finisce sui piedi di Nunziata che è lesto ad insaccare a porta vuota.

Per tutto il resto della partita il Vico si limita a controllare, correndo quasi nessun pericolo. Se non fosse per una chiamata fin troppo fiscale dell’arbitro che all’80’ concede un rigore al Manzoni. Ma Carbone è impenetrabile e conferma la fama di para-rigori, neutralizzando il quarto tiro dagli 11 metri in stagione, numeri da capogiro. Nel finale è ancora pericolosa la squadra ospite con Simonetti che, per poco, non arrotonda il risultato.

La zona spareggi è lontana 6 punti, ma il cuore Vico pulsa sempre più forte.


SHARE