Un super Vico batte l’Ottaviano e sogna i play-off.

4

480727_528312850520369_2101657937_nAdesso sì. Si può dire. La Rus Vico vede i play-off. Grande prova di carattere degli uomini di mister Muto, che battono la Virtus Ottaviano e vedono la soglia per gli spareggi lontana solo 3 punti. La partita, però, non è stata una passeggiata. Anzi, il primo tempo è stato una sofferenza assoluta per i gialloblu, che appaiono sulle gambe e soffrono la grande spinta ottavianese. Infatti la squadra ospite spinge per tutta la prima frazione ed al 43′ trova anche il vantaggio, sugli sviluppi di un calcio d’angolo. I palmesi non riescono mai a reagire e devono ringraziare un paio di recuperi dei propri difensori, con Miele sugli scudi. Si va al riposo con il passivo di 0-1 e la consapevolezza di essere stati messi sotto per 45 minuti. Non si sa quello che succede nello spogliatoio della Rus Vico, ma nella ripresa è tutta un’altra musica. I gialloblu, anche grazie agli ingressi di Fortunato e Velardi, spingono sull’acceleratore alla ricerca del pareggio. L’Ottaviano appare imbambolato e all’60’ deve cedere per la prima volta: Santorelli (in foto) sale in cattedra, compiendo un’azione fantastica sulla fascia destra e procurandosi un rigore. Sul dischetto ci va il portiere-specialista Carbone, che con la solita freddezza, porta il risultato sull’1-1. L’esultanza dei pochi (ma buoni) sostenitori sugli spalti è un ulteriore iniezione di fiducia per l’undici palmese, che ci mette ancora più grinta e cuore alla ricerca della vittoria. Con un Santorelli così, poi, è tutto più facile. Una vera e propria spina nel fianco sulla fascia destra, gli avversari non lo prendono mai e gli effetti pratici si vedranno al 70′. Sì perché, proprio lui, regala il vantaggio ai gialloblu, sfruttando un assist al bacio di Ferrara e infilando il portiere ospite. Gli ultimi 20 minuti, poi, sono un forcing dell’Ottaviano alla ricerca del pareggio ma il Vico, tutto cuore e grinta, resiste e porta a casa 3 punti fondamentali per quel sogno che i ragazzi vogliono regalarsi.

 


SHARE