Le risorse del 5×1000 a sostegno delle famiglie in difficoltà

2

E’ stato pubblicato il bando, che si trova nel sito www.comunesantanastasia.it, per sostenere economicamente chi ha perso il lavoro nel 2009. All’ ufficio Politiche Sociali del Comune di Sant’Anastasia è inoltre possibile ricevere informazioni telefonando al numero 081-8930249. Le risorse dei fondi derivano dal 5×1000 del 2009 e nel consiglio di Giunta del 2010 fu deciso di destinarli ad una politica a favore dei cittadini.

L’Architetto Luigi Pappadia, Responsabile del Servizio Politiche Sociali, ha preparato gli atti ed ha poi pubblicato il bando chiarendo che il contributo verrà assegnato in modo equo tra tutte le domande presentate e ritenute ammissibili, ma anche ad una sola domanda regolare. Possono richiedere e accedere alle agevolazioni previste dal Bando, le persone residenti che, causa perdita del lavoro nell’arco del 2009, hanno visto ridotta la loro capacità finanziaria, allegando alla domanda lo stato di famiglia, il modello ISEE relativo all’ anno 2010 (redditi 2009) non superiore ad € 12.000,00 oppure il CUD, la lettera di risoluzione definitiva del rapporto di lavoro (licenziamento) ad esclusione dei licenziamenti per giusta causa, collocamento nelle liste di mobilità, allegando un documento di identità valido.

sindacoEspositokA valutare tutte le domande presentate sarà lo stesso ufficio delle Politiche Sociali che le verificherà ed avviserà i cittadini ammessi. Le domande dovranno essere necessariamente compilate sul modulo predisposto dal Comune e presentate o inviate tramite raccomandata all’Ufficio Protocollo del Comune di Sant’Anastasia, che si trova in Piazza Siano n. 2 entro e non oltre le ore 12.00 del 19.04.2013.

Il sindaco, Carmine Esposito, ha dichiarato in merito: “Anche questo è un segnale di buona amministrazione perché, grazie a cittadini collaborativi nelle dichiarazioni di reddito, con le risorse del 5×1000 attuiamo una politica di sostegno alle famiglie in difficoltà e hanno vissuto il dramma della perdita del lavoro”.

 

 


SHARE