Il Sindaco Pinto a caccia della riconferma

7

L’obiettivo è quello di completare un progetto iniziato cinque anni fa quando, a soli trent’anni, la città gli consegnò la fascia tricolore. Da oggi Francesco Pinto, supportato dalla lista civica “Insieme per Costruire”, è ufficialmente in corsa per la riconferma alla guida della città.

Questa sera alle ore 20.00 verrà inaugurato il Comitato Elettorale (corso Umberto I n. 53) e verranno presentati ufficialmente tutti i candidati.
“Abbiamo atteso per ufficializzare la candidatura perché intendevamo concretizzare due punti cruciali del nostro programma elettorale che rappresenteranno la svolta per la nostra città: da un lato la pianificazione urbanistica nell’ex area Pip preordinata alla crescita di un polo di piccole e medie imprese che creeranno occupazione per i nostri giovani e sviluppo per il territorio, dall’altro l’ampliamento del cimitero comunale, per il quale martedì abbiamo approvato in Consiglio il progetto definitivo”, così Francesco Pinto spiega le ragioni della candidatura. “Con questi due obiettivi centrati, – continua – si completa con successo la prima fase del nostro lavoro amministrativo, e da questi due punti intendiamo ripartire per il futuro e chiediamo ai cittadini di Pollena Trocchia di rinnovare la loro fiducia in noi attraverso una riconferma che permetterà alla nostra squadra di governo di portare a compimento un progetto iniziato cinque anni fa”.
“Una riconferma che – dice Francesco Pinto, – non è solo politica, ma è soprattutto amministrativa: nel 2008 siamo arrivati al governo e abbiamo trovato un paese in agonia. Per cinque anni abbiamo lavorato intensamente per rilanciare il territorio e siamo riusciti a concretizzare ciascuno dei punti del programma elettorale che i cittadini approvarono col loro voto. E’ questo lo spirito che oggi ci anima ed è questa la ragione per la quale chiediamo la riconferma di quella fiducia già accordataci nel 2008: la consapevolezza di avere agito nel rispetto del patto stretto con i nostri elettori. Abbiamo lavorato per Pollena Trocchia e i risultati conseguiti sono concreti e tangibili: è sulla base dei fatti quindi che siamo determinati a chiedere ai nostri concittadini di darci, e di darsi, l’opportunità di continuare il lavoro iniziato. Chiediamo la conferma della fiducia accordataci cinque anni fa per completare l’opera di rinnovamento di Pollena Trocchia e passare quindi alla seconda parte del nostro progetto per il paese con l’attuazione del nuovo programma elettorale”.
Nonostante le difficoltà dovute ai tagli operati dal governo centrale, la squadra di governo capitanata da Francesco Pinto è riuscita a condurre in porto progetti che erano arenati da decenni e programmarne di nuovi fino a cambiare il volto di Pollena Trocchia. Tra i principali obiettivi centrati, il restyling delle piazze, la ristrutturazione delle principali strade di accesso al paese, fino all’apertura al pubblico del sito archeologico di Masseria De Carolis, un tempo discarica a cielo aperto, oggi polo di ricerca di interesse internazionale: l’impegno profuso a favore della rivalutazione del complesso termale di origini romane è valso l’assegnazione dell’Heritage Prize ad Oslo al sindaco Pinto. Tra i principali obiettivi centrati c’è poi il progetto di ampliamento del cimitero comunale in autofinanziamento: un’opera che Pollena Trocchia aspettava da oltre due decenni. L’amministrazione Pinto è riuscita a completare il tortuoso iter che a breve porterà all’esproprio dei suoli e quindi alla costruzione di oltre mille tra loculi, ossarietti e cappelle gentilizie.
IL PROFILO. Avvocato, trentacinque anni, prima di essere eletto sindaco, Francesco Pinto è stato consigliere comunale e assessore. Aveva solo ventuno anni quando, passando dalla porta principale, fece il proprio ingresso nella vita politica locale: nel 1998 risultò nonostante la giovanissima età risultò tra i più votati con 315 voti e fu assessore durante la medesima legislatura con deleghe alla Cultura e alla Pubblica Istruzione. Da quel momento, il paese ha continuato a credere in lui. Cinque anni dopo, con un risultato a dir poco eccellente (poco meno di 400 preferenze) fu infatti rieletto in Consiglio. Dopo gli anni da oppositore della vecchia guardia politica che ha governato sterilmente il paese per anni, ha incontrato il favore delle urne nel 2008 sgominando due concorrenti politici di tutto rispetto (l’allora vicesindaco uscente, Giovanni Busiello, e la lista civica guidata da Giuseppe Castiello) arrivando a vestire la fascia tricolore a soli trent’anni. Francesco Pinto ha deciso di essere sindaco a tempo pieno, dedicandosi completamente all’amministrazione del paese. Dal 2009 al 2012 Francesco Pinto ha inoltre ricoperto la carica di assessore alla Solidarietà nella giunta della Provincia di Napoli.
LA SQUADRA. Nella coalizione che supporta il sindaco Francesco Pinto, la componente di amministratori uscenti riconfermata è altissima, a riprova della bontà dell’operato svolto fino a questo momento: corrono per la riconferma a supporto del primo cittadino di “Insieme per Costruire” i consiglieri Giovanni Attimo e Anna Maione; gli assessori Salvatore Auriemma, Pasquale Busiello, Giuseppe Campajola, Giuseppe De Siena e Luigi Esposito; il capogruppo di maggioranza, Pasquale Fiorillo, e il presidente del Consiglio, Pasquale Montella. Le new entry sono Lucia Andolfi, Antonietta Borrelli, Annamaria Borriello, Antonio Di Sapio, Vincenzo Filosa, Umberto Marrazzo e Margherita Romano.
FRANCESCO-PINTO

SHARE