Giovani Democratici chiedono la pubblicazione dei bilanci delle aziende del Tpl

0

trasporti

Da mesi spostarsi per Napoli e Provincia coi trasporti pubblici è diventato sempre più difficile, fra tagli alle corse e proteste selvagge (differenti dallo sciopero, che invece è in svolgimento oggi) dei dipendenti senza stipendio, mezzi sovraffollati e sistematicamente in ritardo. Ieri abbiamo appreso che perfino il fiore all’occhiello della mobilità campana, la Linea 1, dispone di meno materiale rotabile funzionante.

Le aziende del Tpl sono state gestite male, al di là dei tagli economici derivanti dalla crisi, e la difficoltà nel reperirne i bilanci online non ci permette di capire in cosa si è sbagliato.

Essendo esse di proprietà pubblica, è diritto dei cittadini apprendere come si è giunti a tale sfacelo e in che modo le risorse destinate al trasporto pubblico locale sono state impiegate, pertanto chiediamo che entro lunedì 8 aprile 2013 vengano pubblicati sulla homepage dei rispettivi siti internet tutti i bilanci del Consorzio Unico Campania e delle aziende Ctp, Anm, Napolipark, Metronapoli, Eav, ex Sepsa, ex Circumvesuviana, ex Metro Campania Nord Est ed ex Eavbus a partire dalla propria fondazione. Chiediamo inoltre che nelle prossime settimane vengano aggiunte anche le spese legate ai dirigenti di tali aziende.

Pasquale Massa, responsabile trasporti ed infrastrutture dei Giovani Democratici di Napoli e Provincia.


SHARE