Si lavora per la redazione del Piano di Emergenza Comunale

1

vesuvio

Manca ormai quasi un mese alla scadenza, fissata per il 31 marzo, per la consegna del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile da parte dei comuni che sono stati inseriti nella nuova perimetrazione della zona rossa.

Il Piano di Emergenza dovrà seguire e soddisfare alcuni essenziali quesiti, come ad esempio: quali eventi calamitosi possono ragionevolmente interessare il territorio comunale; quali persone, strutture e servizi ne saranno coinvolti o danneggiati; quale organizzazione operativa è necessaria per ridurre al minimo gli effetti dell’evento, con particolare attenzione alla salvaguardia della vita umana; a chi vengono assegnate le diverse responsabilità nei vari livelli di comando e controllo per la gestione delle emergenze.

Il comune è così impegnato nelle operazioni di redazione e di aggiornamento del Piano, con l’ausilio di esperti esterni: il Geol. Domenico Calcaterra, l’Ing. Gerardo Mario Verderame ed il Geol. Ciro Sepe, professionisti di comprovata esperienza nel settore.

È utile sottolineare e ricordare, prendendo anche in considerazione i sopracitati suoi punti fondamentali, l’importanza del Piano di Emergenza dal punto di vista dell’individuazione dei rischi e degli scenari presenti sul territorio e delle risorse disponibili in caso di emergenza, nonché per ciò che riguarda l’organizzazione delle procedure, il monitoraggio dell’area e l’assistenza alla popolazione.


SHARE