Reati multipli, misura cautelare per cinque uomini

12

S

Nelle mattinata odierna, nei comuni di Terzigno, Boscoreale, Pompei e Boscotrecase, i Carabinieri della Stazione di Terzigno hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione di misura cautelare – emessa dal GIP del Tribunale di Nola, su richiesta della locale Procura (4 divieti di dimora ed 1 obbligo di firma) – nei confronti di 5 indagati italiani, ritenuti responsabili, a vario titolo, estorsione aggravata e continuata in concorso, violazione di domicilio e sostituzione di persona.

L’indagine, avviata nel febbraio 2012 in seguito alla denuncia presentata da un cittadino cinese, permetteva di ricostruire la condotta estorsiva dei cinque soggetti che, a vario titolo, durante le loro illecite azioni, facevano uso di divise, palette ed altri segni distintivi tipici delle forze di polizia, qualificandosi come agenti di “Polizia Ambientale”. Il “modus operandi” seguiva un preciso rituale: gli indagati, indossando uniformi e distintivi delle “Guardie Ambientali” simulavano controlli sul corretto smaltimento dei rifiuti ovvero in materia di immigrazione, presso abitazioni ed aziende gestite da cittadini cinesi e, approfittando della scarsa conoscenza delle normative e della difficoltà linguistiche dei malcapitati cittadini, pretendevano e si facevano consegnare dai malcapitati somme di denaro variabili da 100 a 1000 euro, intimorendo le vittime con la minaccia della contestazione di salate multe e di sequestri. In alcuni dei casi accertati le vittime hanno anche riferito di ispezioni e perquisizioni illegalmente svolte dagli indagati.

L’intervento dei Carabinieri di Terzigno, coordinato da questa Procura, ha di fatto messo fine all’attività criminosa consentendo di conquistare la fiducia di molti piccoli imprenditori cinesi e di ricostruire, così, decine di episodi illeciti perpetrati ai danni di aziende operanti in Terzigno tra febbraio e ottobre 2012.

Nel corso delle perquisizioni sono stati rinvenuti e sequestrati 1 pistola a salve cal. 9 modo 92, marca “Bruni”, un paio manette sicurezza, fondine per pistola, uniformi e paletta con scritte “Guardie Ambientali” ed altro materiale d’interesse.


SHARE