Lo Stasia passa ai rigori anche in finale: stavolta è Coppa!

1

Pomeriggio sereno a Torre Annunziata dove allo stadio comunale “A.Giraud” si disputerà la tanto attesa finale di Coppa Italia Regionale tra Stasia e il F.C. Mari di Cercola. I tanti tifosi anastasiani ed i pochi cercolesi occupano la stessa tribuna, quella coperta. Il mister biancoblu Renna sacrifica Scippa e Nucci e si affida al tris offensivo Rima, Gioielli, Pastore.

Un primo tempo abbastanza noioso: le squadre intimorite dalla posta in gioco sono chiuse, il pressing è basso e sembra si studino approfittando dell’errore avversario. Ma Rima sfiora due volte il gol: prima con una fortissima conclusione nell’angolino alto sventata prontamente dall’estremo difensore cercolese, poi con un colpo di testa di poco alto sulla traversa. Nell’intervallo, nessun cambio ma sul terreno di gioco il cielo si annerisce e poco dopo si scaraventa sul Giraud un fortissimo temporale.

Nella ripresa, sotto la pioggia fitta, il copione non cambia: tantissimi errori sulla metà campo da parte di entrambe le squadre ed il gioco si sposta sulle fasce. Nello Stasia entrano le nuove forze Scippa e Nucci. Poi l’episodio che potrebbe cambiare l’esito del match: Rima, che è già ammonito, stoppa il pallone con la mano e l’arbitro prontamente lo espelle. Stasia in 10 ed inevitabilmente soffre l’uomo in meno, il Mari invece cerca di approfittarne ma la sua offensiva impensierisce poco il piccolo grande portiere biancoblu Liccardo tranne che con una conclusione alta a scorrere che becca la traversa.

Qualche pericolo sventato ma lo Stasia va ai supplementari ancora con qualche risorsa. Nei due mini tempi qualche occasione da ambo le parti dettata dalla stanchezza soprattutto dei difensori anastasiani. De Falco, già ammonito, viene graziato dall’arbitro per un fallo da dietro e nella punizione che ne consegue avviene una mischiaWP_000145 in aria pericolosa che getta nello sconforto i supporters anastasiani, ma per fortuna la palla viene spazzata via.

Si va ai rigori, lotteria che si è rivelata fortunata per lo Stasia in semifinale contro l’Angri. Alla fine, sui quattro calciati lo Stasia ne sbaglia uno, e sui suoi tre il Mari li sbaglia tutti: due vengono parati dal “pararigori” Liccardo, l’altro viene spedito alto. Finisce 3 – 0 ed il capitano Di Costanzo, osannato dai tifosi, alza al cielo la Coppa Italia che fa sognare i tifosi, che attendevano da tantissimo tempo una soddisfazione calcistica.


SHARE