Dati vesuviano: il trionfo del Cavaliere

4

A livello nazionale il centro sinistra potrà consolarsi con qualche voto in più conquistato sia al Senato che alla Camera, peraltro inutili ai fini di una solida governabilità del paese, specie a Palazzo Madama, ma, tra i comuni del vesuviano, a recitare la parte del leone è ancora lui, Silvio Berlusconi, uscito trionfatore da una tornata che sembrava dovesse segnare ineluttabilmente la sua eclissi. Come sempre accade in questi casi, è impossibile stabilire dove finiscono i meriti del vincitore e dove cominciano i demeriti degli sconfitti, sta di fatto, che chi sperava di dare la spallata definitiva al quasi ottantenne di Arcore, dovrà rivedere i suoi piani.

Tornando all’area che più ci interessa, quello che a livello nazionale appare come un atroce dispetto del Cavaliere ai suoi avversari, dalle nostre parti è da considerarsi un autentico trionfo (o smacco per il centro sinistra, questione di punti di vista), alla faccia pure di chi, tra i suoi stessi alleati, paventava un forte crollo strettamente connesso all’esclusione a sorpresa di Nicola Cosentino, uomo di punta del pdl sul territorio, a causa dei suoi problemi giudiziari.

La coalizione di centro destra ha invece surclassato i suoi avversari in tutti i comuni da noi presi in considerazione, facendo registrare in alcuni di essi distacchi imbarazzanti. Sia alla Camera, sia al Senato non c’è mai stata partita, con percentuali che in alcuni casi raddoppiavano, o triplicavano i consensi riscossi dagli avversari, ed anche il lodevole exploit del Movimento 5 stelle, ha trovato nella nostra zona, dimensioni molto più contenute rispetto al quadro nazionale. Male pure Mario Monti ed Antonio Ingroia, staccatissimi non solo dai partiti di centro destra, ma anche dai loro inseguitori.

Nello specifico, il quadro impressionante della schiacciante vittoria di Berlusconi è sintetizzata nei numeri e nelle percentuali che andiamo ad indicare comune per comune:

Carbonara di Nola: Camera, centro destra 42,20%; centro sinistra 19,93; M5S 19,84%; Monti 14,29%; Ingroia 1,12%. Senato, centro destra 42,54%; centro sinistra 23,12%; M5S 19,73%; Monti 9.66%; Ingroia 0,92%.

Nola: Camera, centro destra 41,85%; centro sinistra 21,53%; M5S, 17,53%; Monti 14,73%; Ingroia 1,81%. Senato, centro destra 45, 03%; centro sinistra 23,71%; M5S 16,46%; Monti 9,16%; Ingroia 1,68%.

Ottaviano: Camera, centro destra 50,25%; M5S 18,06%; centro sinistra 17,35%; Monti 10,41%; Ingroia 1,83%. Senato, centro destra 50,81; centro sinistra 21,57; M5s 16,74%; Monti 6,82%; Ingroia 1,60%.

Palma Campania: Camera, centro destra 47,09%; centro sinistra 18,82%; M5S 15,07%; Monti 14,56%; Ingroia 1,92%. Senato, centro destra 48,32; centro sinistra 21,27%; M5S 14,33%; Monti 9,40%. Ingroia 1,65%.

Poggiomarino: Camera, centro destra 49,61%; centro sinistra 21,58%; M5S 16,21%; Monti 9,05%; Ingroia 1,43. Senato, centro destra50,65%; centro sinistra 24,61%; M5S 14,65%; Monti 6,43%; Ingroia 1,28%.

Pollena Trocchia: Camera, centro destra 36,68%; centro sinistra 27,09%; M5S 21,96%; Monti 9,26%; Ingroia 3,04%. Senato, centro destra 37,07%; centro sinistra 30,25%; M5S 20,38%; Monti 7,45%; Ingroia 2,69%.

San Gennaro Vesuviano: Camera, centro destra 49,03%; Monti 18,27%; M5S 15,53%; centro sinistra 14,08%; Ingroia 1,21%. Senato, centro destra 55,36%; centro sinistra 17,96%; M5S 15,59%; Monti 7,03%; Ingroia 1,45%.

San Giuseppe Vesuviano: Camera, centro destra 53,56%; Grillo 15,78%; Monti 14,91%; centro sinistra 12,21%; Ingroia 1,59%. Senato, centro destra 56,73%; centro sinistra 16,58%; M5S 15,62%; Monti 7,14%; Ingroia 1,46%.

Sant’Anastasia: Camera, centro destra 42,82%; centro sinistra 24,29%; M5S 17,96%; Monti 9,27%; Ingroia 2,55%. Senato, centro destra 42,15%; centro sinistra; 29,34%; M5S 16,92%; Monti 7,40%; Ingroia 1,99%.

Somma Vesuviana: Camera, centro destra 42,48%; centro sinistra 21,59%; M5S 19,15%; Monti 11,93%; Ingroia 2,62%. Senato, centro destra 43,99%; centro sinistra 24,72%; M5S 18,42%; Monti, 8,01%; Ingroia 2,37%.

Striano: Camera, centro destra 54,28%; centro sinistra 20,73%; M5S 15,23%; Monti 6,44%; Ingroia 1,30%. Senato, centro destra 48,75; centro sinistra 25,86%; M5S 15,36%; Monti 6,01%; Ingroia 1,21%.

Terzigno: Camera, centro destra 51,68%; M5S 18,33%; centro sinistra 15,94%; Monti 10,71%; Ingroia 1,38%. Senato, centro destra 53,32%; centro sinistra 18,21%; M5S 17,74%; Monti 7,53%; Ingroia 1,34%

berlusconi-silvio-mega800-corna