Carnevale Palmese, Carrella: «Le critiche non mi soprendono»

0

carrella

Come già riportato in un precedente articolo, dopo la chiusura del Carnevale, segnata ufficialmente dalla serata di premiazione della quadriglia de “I Gaudenti” e di assegnazione dei premi individuali, si sono diffuse alcune critiche, rivolte alla giuria. Per le strade cittadine è anche apparso un manifesto di disappunto, a firma della quadriglia “Scusate il Ritardo”, in cui si critica, appunto, la professionalità dei giurati.

Nessun stupore per l’accaduto da parte di Filippo Carrella, membro della Fondazione Carnevale, che sottolinea: «Non mi sorprende che ci siano state delle critiche, tanto meno che sia stato affisso un manifesto. Ogni anno, la quadriglia che vince, gioisce, mentre chi perde spesso si sofferma a criticare. Il sistema di voto è sempre stato lo stesso, anche quando ha vinto “Scusate il Ritardo”. La sua regolarità e la sua funzionalità è sottolineata anche dal fatto che in cinque anni di operato di Fondazione, ci sono stati quattro differenti vincitori».

«La scelta dei giurati – continua Carrella – viene concordata con la quadriglia ed al suo interno vi è sempre un membro della Fondazione Carnevale. I nomi dei giudici, poi, vengono resi noti poco prima ed i loro curricula pubblicati sul sito dedicato al Carnevale Palmese. La critica ci può stare, ma è ingiusto che venga messo in discussione l’operato e la professionalità dei membri della giuria».

«L’espressione “circoletti dell’amicizia”, usata nel manifesto – conclude –  è forte, ma ribadisco, non mi sorprendono le critiche. Sono sempre esistite e continueranno ad esistere. Differente è il discorso se poi il tono assume le sfumature dell’accusa».

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


SHARE