Bagni termali

6

…”Brr…, che freddo Grillo! ti confesso che questa cortina di nevischio sui monti Lattari e la neve lassù, in cima sul Vesuvio, è lo spettacolo invernale che più mi attrae e mi mette di buon umore”.

…”Ti sembra  di essere in Trentino?”

…”Certo! Non capita spesso di avere l’aria tersa e pulita come quando nevica. E se annusi l’aria è odorosa e frizzantina. Poi basta abbassare lo sguardo sulla strada che stai percorrendo e …finisce la poesia e l’incanto. Devi scansare una buca sull’asfalto per prenderne altre dieci! Sai che ormai non ho più il ricordo di come sia la sensazione della  percorrenza di  una strada liscia ed asfaltata? Sembra sempre di gareggiare per  una  tappa del Camel Trophy “

“In effetti, le condizioni delle strade cittadine urbane ed extraurbane sono disastrose e l’incuria delle amministrazioni è sotto gli occhi di tutti. Ma la notizia buona è che stavolta  il pm Stefania Buda vuole appurare se sussistano responsabilità  sulla scadente manutenzione  delle strade napoletane ed indaga sui materiali usati per le riparazioni che non sembrano essere idonei.”

“A proposito di buche, hai visto quella un po’ inconsueta  di Pozzuoli nel cuore dell’oasi  naturalistica di Pisciarelli? Una nuova bocca vulcanica dalla quale  si innalzano fumarole di acqua e gas fino a cinque metri. Un simpaticissimo  soffione generato forse dalle abbondanti piogge del mese di gennaio”

“I geochimici, come il professore Benedetto  De Vivo ordinario di geochimica, sono in polemica con i vulcanologi sull’origine della fumarola.”

“Già.. ,e non si accordano oltremodo,  sulla pericolosità o meno delle trivellazioni in atto nei Campi Flegrei!  Questi potenti vulcani furono denominati dai Greci” Campi Flegrei”, cioè “campi ardenti” e quasi tremila anni fa erano già conosciute le qualità terapeutiche delle sorgenti minerali a ovest del Vesuvio.”

“La commistione tra fuoco ed acqua è affascinante. Il termalismo partenopeo ha rappresentato un’attrazione irresistibile per i primi coloni Greci  che apprezzarono le qualità curative delle stufe di Agnano e delle grotte di Baia. Pare che proprio le acque termali facilitarono la fondazione di Pozzuoli”

“Grillo, pensa che la fama di Baia era diffusa in tutto il mondo romano, e fu eletta  a  località di villeggiatura ambita dalla jet society dell’epoca. Gli svaghi, i lussi sfrenati, gli ozi ed i piaceri della lussuria  erano rinomati e si diffuse la convinzione che le fanciulle caste  di buona famiglia che trascorrevano un periodo a Baia tornassero corrotte e  a Roma”

“Ma il termalismo  ai tempi dei Romani era già business. A Baia, che era la più importante stazione termale del mondo antico, tutto era curato nei minimi particolari e lo stesso Orazio era un cultore delle miracolose qualità curative delle sorgenti. Lo stesso Nerone fu ammaliato da Baia e le stufe di Tritoli o di Nerone ne sono testimonianza. Altro inquilino famoso fu Cicerone che battezzò la sua spettacolare villa: Academia”

“Oggi i nostri tesori sono completamente dimenticati e sottovalutati Se ti  domandassi  quante acque abbiamo a Castellammare di Stabia sapresti rispondermi? Dai provaci! Ben 28 acque diverse. Un patrimonio dei cittadini che ne ignorano i benefici e l’efficacia. Sai che a Torre Annunziata c’è uno stabilimento Termale con acqua  sorgiva proprio sull’arenile? Ma possibile che non ci sia  nemmeno un  semplice cartello stradale sull’autostrada che  ne indichi l’esistenza? Cosa costerebbe agli Amministratori chiedere alla società autostradale di evidenziare le uscite con l’indicazione delle terme. Mettere un cartello stradale o una tabella nelle stazioni della circumvesuviana non richiede studi ed applicazioni accademiche!

“Cara Lina, l’inizio del Novecento ha rappresentato la vittoria delle attività industriali sulle attività termali. Alla fine l’industria dell’area di Bagnoli ha prevalso sulle naturali ed ecologiche propensioni al turismo. L’ultimo tentativo di promuovere il salutare termalismo fu fatto nel 1928 con il XIX Congresso Nazionale d’Idrologia che si svolse per cinque giorni con la partecipazione di insigni relatori ma inutilmente. Solo Ischia seppe sfruttare la naturale propensione al turismo termale prosperando a lungo economicamente. Ma anche l’isola di Pitechusa oggi è stata vandalizzata da politiche miopi e stupri sistematici del territorio tra abusivismo edile e corruzione locale. Oggi anche le terme di Castellammare di Stabia sono abbandonate ,le attività ferme e i dipendenti in cassa integrazione. Tanto per non cambiare, i giudici contabili passeranno al microscopio i conti della gestione 2010 dell’Ente che pare non convincano granchè.

“Divento paonazza di stizza al pensiero che la maggior parte dei popoli ci invidia il nostro patrimonio culturale. E noi ? Beoti e contenti!”

“Beati?”

“No Grillo, no: beoti ,citrulli, tardi nell’ingegno…fessi!  Londra ospita dal prossimo  28 marzo fino a settembre, presso il British Museum,  la grande mostra “Life and death in Pompeii and Herculaneum”.Già fioccano le prenotazioni per quello che viene considerato l’evento dell’anno!”

“Speriamo almeno che la cancelliera tedesca , sig.ra  Angela Merkel,   gradisca di tornare sull’isola anche quest’anno! Caffè?”

IM000617.JPG


SHARE