Roghi tossici, si chiede l’ausilio dello Stato

0

È ormai noto il rischio ambientale a cui è sottoposto il territorio palmese. Negli ultimi mesi si sono registrati innumerevoli roghi a rifiuti tossici, da cui si sono generati fumi nocivi ed estremamente pericolosi per la salute. Nella mente dei palmesi resta soprattutto il rogo generatosi, lo scorso 7 agosto, nella discarica abusiva di carflat, sito in via Novesche.

Nell’ultimo periodo sono state tante le segnalazioni e le denunce dei cittadini, a sottolineare un legittimo allarme sociale. Gli inquietanti dati statistici fanno emergere un significativo incremento di patologie degenerative, cardiovascolari, malformative e tumorali, che è tale da far ritenere indispensabile, per l’amministrazione, un’azione definitiva e risolutoria.

Poiché il fenomeno dei roghi tossici coinvolge un territorio vasto, che va oltre le possibilità di tutela e monitoraggio di quello amministrato, il comune ha deciso, come previsto dall’art. 50 del D.Lgs. 267/2000, di richiedere l’intervento dello Stato e/o della Regione. A tale scopo è stato ritenuto indispensabile formulare apposito indirizzo al Prefetto di Napoli, affinché attivi la costituzione di un gruppo interforze che, in collaborazione con le autorità locali, possa dedicarsi a debellare l’increscioso fenomeno, attraverso ogni idoneo mezzo consentito, anche vigilando il territorio in maniera pressoché capillare e costante, al fine di evitare l’ulteriore proliferare di roghi che possano causare gravi danni alla salute della collettività.


SHARE