De Giulio e Iorio presentano Giacomo De Vivis

5

Una figura storica di notevole spessore, ma incredibilmente sconosciuta ai più. Sembra un controsenso, ma quella di Giacomo De Vivis, Sindaco di Palma Campania a metà ottocento, rischiava seriamente di finire nell’oblio, complice il lungo silenzio calato sul suo nome fino ai giorni nostri.

A gettare uno squarcio di luce su un personaggio di tale rilevanza, ci hanno pensato il professore Ivan De Giulio ed il giornalista scrittore Pasquale Iorio, autori di un interessantissimo libro intitolato “Passeggiata alla Ferrovia”, in cui “il sindaco sceriffo”, viene descritto in tutta la sua attualità, attraverso una locuzione ancora largamente in uso nel gergo politico moderno. L’opera è stata presentata stasera, all’interno di una giornata che l’amministrazione comunale ha voluto dedicare a de Vivis. Un gremito teatro comunale, ha ospitato l’evento, impeccabilmente moderato dalla dottoressa Anna Nunziata, che ha deliziato i tanti presenti i quali hanno potuto beneficiare di una nuova e gustosa gemma da incastonare nella storia di un paese, il cui passato offre spunti di grandissimo interesse. Perché la Ferrovia? De Giulio la descrive come il luogo più bello di Palma Campania, dove era bellissimo passeggiare e dove sono avvenuti i due eventi a cui è legato il libro: l’arrivo del primo treno a vapore e la realizzazione del viale alberato che collega la stazione al centro cittadino. Un connubio tra storia e cronaca, come spiega Iorio, in un testo che consente di riscoprire le memorie dimenticate della cittadina vesuviana, legandole all’attualità. Nell’ambito delle celebrazioni, l’opera di De Vivis, efficacemente rappresentata nel libro, ha ottenuto il giusto riconoscimento attraverso una lapide, scoperta in mattinata, con la quale l’amministrazione comunale, ha inteso rendere il giusto omaggio all’uomo che da questa sera, non sarà più un illustre sconosciuto.

 


SHARE